Degustazione di Malbec Argentini

Posted on 24 aprile 2014

0


 

Ecco le impressioni di Massimo Di Marco

Di ritorno dal Malbec world day 2014, tenutosi all’hotel Westin palace di Milano Mercoledì 16 Aprile, ecco le mie impressioni sui malbec e i miei preferiti.

È stato un evento al quale ho partecipato con entusiasmo, perchè ho sempre avuto una buona predisposizione nei confronti del malbec.

Se dovessi tracciare un profilo generale dei 40 degustati direi che le caratteristiche più comunemente riscontrate sono le seguenti:

Vini consistenti dai colori profondi e compatti.

 

malbec world day III

Al naso frutta in confettura più o meno scura, dalla ciliegia alla mora, prugna.. Spezie dolci come cacao, cioccolato, caramello, vaniglia, cannella. Pepe in alcuni più austeri. Accenni balsamici, eucalipto e menta.. Eterei, gomma bruciata; erbacei..fieno e tabacco, sottobosco; minerali, grafite e un chè che ricorda il suolo lavico.. Accenni iodati in alcuni percepibili anche al naso.

 

massimo di marco

massimo di marco

In bocca spesso un bell’equilibrio, rondeur e velluto. Glicerina e pseudo dolcezza, alcool. Tannini fitti ben tessuti, sapidità e mineralità. Difficile trovare freschezza. Tranne alcuni come il Luigi BOSCA, nel quale ho trovato vivacità e freschezza, un malbec che m’ha ricordato tanto un bel sangiovese da chianti classico.In generale l’impressione è che l’epoca migliore per il consumo si aggiri entro i due e otto anni. Vini non particolarmente longevi insomma.

Il mio preferito:

92/100 BACAN reserva 2008

Una vera e propria rivelazione. Un vino sorprendente non tanto sul piano olfattivo e gustativo, quanto sul piano tattile. Un vino nero, profondo impenetrabile, buio e misterioso  Non si svela granché, non si esprime, non sai cosa aspettarti quasi una degustazione alla cieca, un salto nel buio..

In bocca è una rivelazione, un lampo di luce folgorante. Una beva che ha la scivolosità e la  suadenza del velluto, una freschezza lunghissima, sottile, vibrante.

Il tannino è fine, di un eleganza magistrale. Bocca di grafite e come un energia che si sprigione dal cuore della terra.. 92/100

91.5/100 MANOS NEGRAS STONE SOIL MALBEC 

Un vino dal naso intenso, fruttato di confettura di prugna, speziato in cui  si percepisce pepe e tabacco biondo, molto fine e complesso al naso con molta concentrazione e potenziale. In bocca è pieno, morbido, caldo ed equilibrato da una bella freschezza e un eccezionale sapidità che mi ha sorpreso , quasi salato!

Un bel vino ricco di estratto e potenziale.

88.5/100  RIGLOS GRAN MALBEC 2011

Consistente, scuro con riflessi ancora purpurei sull’unghia.

Fruttato di more e mirtilli, nuances più fresche e floreali di viola, speziatura dolce di caramello ben intessuta tra il nero della frutta, conclude con nota fresca, eucalipto.

Bocca intensa ed equilibrata, morbido, caldo, tannico, fresco, fine di buona fattura e struttura.

87/100  MONTECONEJO 2009

Questo vino mi ha colpito per la sua finezza ed eleganza. Confettura di ciliegia al naso e poi sentori di fieno, fiori essiccati e suolo..

Caldo, morbido, fin di bocca speziato e un bel finale lungo e piacevole.

Equilibrato e molto fine, senza eccessi ma con tanta classe.

 86/100 FAMILIA ARIZU LUIGI BOSCA MALBEC 2010

Rubino limpido e vivace; non denso, serrato e buio come gli altri; ma con una buona trasparenza.

Frutta rossa matura: ciliegia, lampone, speziatura di chiodo di garofano, liquirizia, note più fresche e balsamiche che richiamano un po’il cedro e  la bacca di ginepro.

Bocca morbida e calda, ravviata da freschezza e sapidità, finale lungo e vibrante, fine.

Come scrivevo sopra questo malbec mi ha fatto tanto pensare a un bel sangiovese di razza.

..E concludo col primo che ho degustato e che mi è piaciuto molto, pur essendo un vino meno evoluto e strutturato dei Gran Malbec reserva:

84/100 SANTA ANA 2012

Marmellata di prugna e cioccolato al latte..un bel naso dolce e invitante, molto generoso..

bocca piena, tonda consistente, bel tannino, buona struttura.

Finale dolce e speziato coerente col naso…

Annunci